La lotta alla criminalità

Il clan Casamonica è un’associazione criminale attiva a Roma. Per gli inquirenti essi sono dediti soprattutto all’usura, all’estorsione e allo spaccio di stupefacenti: negli anni scorsi sono stati al centro di alcuni casi che hanno occupato le cronache giudiziarie della capitale e pure quelle nazionali.

Nel 2015 ci fu il funerale sfarzoso di un esponente di punta con il feretro in una carrozza trainata da cavalli, la musica del film “Il Padrino” e un elicottero che spargeva petali di rose sui presenti.

Nel 2017 un affiliato del clan colpì con una violenta testata un giornalista di una trasmissione Rai e poi aggredì pure l’operatore che stava riprendendo con la telecamera.

Nell’aprile 2018 due uomini della suddetta organizzazione entrarono in un bar e aggredirono il barista, poi una cliente disabile, infine devastarono il locale, perché volevano essere serviti per primi.

Nel novembre del 2018, grazie al lavoro della sindaca di Roma Virginia Raggi e dei magistrati, sono state demolite otto ville abusive della famiglia in questione e in seguito sono avvenute altre demolizioni di abitazioni abusive.

Nel 2019 una sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che il clan Casamonica è “un’associazione di stampo mafioso”.

La squadra mobile di Roma, con a capo il Dottor Luigi Silipo, da alcuni anni sta mettendo sotto la lente di ingrandimento e portando anche in carcere molti uomini di questa organizzazione malavitosa.

Il Dottor Silipo nel 2020 ha rilasciato un’intervista a “Radio Radio” in cui ha spiegato che le caratteristiche dei Casamonica “sono la tracotanza, il sentirsi superiori e anche l’esibizionismo: dimostrare tante spese, ostentare la propria forza e ricchezza, mostrare al pubblico il proprio potere.

Questo clan è un unico nel suo genere: non è piramidale, ogni famiglia gestisce i suoi affari. Le varie famiglie sono estremamente pericolose perché, quando si sentono attaccate dall’esterno, si uniscono e contrattaccano, diventando così un esercito enorme”.

Il giornalista e conduttore televisivo Massimo Giletti dal luglio 2020 vive sotto scorta per avere indagato sulle scarcerazioni dei boss per l’emergenza Covid; lo scorso febbraio durante una puntata di “Non è l’Arena”, la trasmissione che conduce su LA7, ha parlato di un altro argomento scomodo, i Casamonica.

Giletti ha cominciato con una domanda: “Roma è in mano alla criminalità?”

Insieme a lui c’erano, come ospiti, il magistrato Alfonso Sabella e il giornalista Nello Trocchia. Giletti ha fatto ascoltare alcune intercettazioni della squadra mobile di Roma, nella prima i Casamonica dicono di essere la famiglia più importante della criminalità della capitale.

Il Dottor Sabella ha affermato che essi non controllano “tutta la capitale perché è un territorio troppo vasto, ma sicuramente una quota di questo territorio, mettendo in atto soprattutto il reato dell’usura”.

“Prestare soldi a interessi pazzeschi” – ha spiegato Giletti.

“L’usura – ha continuato il magistrato – porta via il denaro e i beni delle persone e quindi permette di prendere in proprietà le persone. Contrastare questo reato è complicato, le vittime non denunciano” perché hanno paura.

Il Dottor Sabella ha fatto una considerazione. “In questo Paese se commetti una rapina e sei un mafioso c’è un’aggravante specifica che sposta molto in alto i termini di pena, se commetti un’estorsione e sei un mafioso c’è un’aggravante specifica, se fai l’usura e sei un mafioso non c’è un’aggravante specifica. Perché? L’usura è uno dei reati tipici delle associazioni mafiose”.

Poi il magistrato ha lanciato un appello per contrastare le attività criminali. “L’abolizione del denaro contante è una misura che può sembrare molto forte, ma io credo che da qui a qualche anno sarà indispensabile. Aboliamo il contante e avremo risolto molti di questi problemi”.

Il giornalista Trocchia ha detto che i Casamonica sono l’organizzazione mafiosa “più potente del Lazio, per quarant’anni sono stati sottovalutati, considerati come bulli di periferia, ladri di galline, un clan minore e intanto crescevano da un punto di vista criminale, occupando varie aree della città”. Essi “parlano una lingua incomprensibile, un impasto tra l’abruzzese e il sinti che nessuno capisce. Gli interpreti in grado di tradurre questa lingua non vogliono farlo”.

Il Dottor Sabella conferma: “Gli interpreti rischiano ritorsioni, non sono protetti e sono pagati pochi euro, si fanno i conti in tasca e non conviene”.

Giletti ha affermato che “per molto tempo abbiamo visto i Casamonica come un fenomeno folcloristico. C’è un vincolo di sangue che unisce tutti gli appartenenti al clan”, non c’è quasi nessun pentito al suo interno “e quindi è complicato per le forze dell’ordine penetrare questo sodalizio criminale fortissimo”.

Armando Guida

 

Foto nell’articolo:

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Fiat_Bravo_-_Polizia_di_Stato_(5892734244).jpg

Autore: sv1ambo

This file is licensed under the Creative Commons Attribution 2.0 Generic license.

Scrivi un commento

* Questo sito utilizza cookies Google e di altre terze parti per analizzare il traffico, per statistiche e pubblicità personalizzata. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookies e il trattamento dei dati secondo il GDPR. By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Puoi anche leggere

Questo sito utilizza cookies Google e di altre terze parti per analizzare il traffico, per statistiche e pubblicità personalizzata. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookies e il trattamento dei dati secondo il GDPR. This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetto / Accept Continua a leggere / Read more